McDonald’s ha attirato a sé scuole e scolari con i premi tecnologici e ora ci sono le classifiche: scoprite gli istituti scolastici che hanno rincorso il gigante del junk food.

Il concorso aveva preso piede durante Expo (c’erano persino gite premio) e ha incentivato i bambini e le famiglie ad andare a mangiare presso tutti i punti McDonald’s con la possibilità di far guadagnare punti alle scuole che avrebbero vinto dispositivi tecnologici e materiale didattico.
E le scuole non si sono fatte pregare (non tutte naturalmente). Per ogni regione è stata stabilita una classifica e sono stati distribuiti i premi.

L’iniziativa ha portato ad una interrogazione parlamentare da parte del Movimento 5 Stelle, cui è seguita la risposta del sottosegretario all’istruzione, Faraone: “Il Ministero non è a conoscenza dell’iniziativa, né un preliminare assenso alla sua realizzazione è stato richiesto a questo dicastero – ha detto Faraone - Specificato ciò, ricordo che le aziende possono organizzare e promuovere secondo le loro autonome strategie di marketing nell’ambito della cosiddetta responsabilità sociale d’impresa, la propria offerta commerciale, anche attraverso l’istituzione di raccolte premi rivolte ai consumatori, prevedendo come possibili beneficiare le istituzioni scolastiche».
Quindi semaforo verde al junk food nelle scuole dopo che negli ultimi anni con grandissima fatica erano stati fatti tentativi di inserire almeno le merende naturali e a base di frutta!!
Ma di tutto ciò si può però fare una colpa solo alle scuole, che si trovano ridotte ad elemosinare i punti McDonald’s per ottenere materiali e apparecchiature??

di Beatrice Salvemini

Se vuoi scoprire quali scuole hannno aderito: Le-scuole-che-corrono-dietro-a-McDonald-s

www.aamterranuova.IT